In Ambiente, Gestione rifiuti, Scadenze

Il 30 aprile 2017 è una scadenza, in termini di pagamenti, per diversi obblighi legati all’ambiente e alla gestione dei rifiuti.

Quasi ogni anno, il 30 aprile è infatti una data critica per i pagamenti e il 2017 non farà eccezione, entro tale data, le aziende dovranno adempiere a diversi obblighi e tra questi, i più importanti sono:

  • Contributo annuale di iscrizione al SISTRI relativo all’anno 2017

Si ricorda che  l’adesione al sistema SISTRI è obbligatoria per gli impianti che gestiscono RIFIUTI PERICOLOSI, per i trasportatori di rifiuti pericolosi (categoria 5) e per i produttori di rifiuti pericolosi (solo per le aziende che impiegano più di 10 addetti).

Le modalità per i pagamenti sono descritte alla pagina web “modalità di pagamento” del sito istituzionale www.sistri.it.

  • Contributi annuali per le ditte iscritte all’Albo Gestori Ambientali

Gli importi per i pagamenti dei contributi restano immutati rispetto all’anno precedente e possono essere verificati nel sito dell’albo gestori ambientali www.albonazionalegestoriambientali.it/ alla voce iscrizione-diritti annuali.

E’ possibile provvedere al versamento mediante i seguenti strumenti:
1) Carta di credito su circuito Visa / MasterCard
2) TelemacoPay su circuito InfoCamere o IConto
3) MAV Elettronico Bancario pagabile senza commissione aggiuntiva mediante qualsiasi istituto bancario sia on-line sia presso qualsiasi sportello bancario (Poste Italiane e Banco Posta Esclusi).

  • Diritti di iscrizione al registro provinciale delle imprese che effettuano il recupero dei rifiuti in procedura semplificata (DM 5/2/98 – DM 161/02)

Gli importi restano immutati rispetto all’anno precedente e possono essere verificati nel sito della provincia di appartenenza.

  • Presentazione del MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale)
La presentazione del MUD avverrà con modulistica ed istruzioni già utilizzate per le dichiarazioni presentate nel 2016. La scadenza è il 30 aprile ma essendo un giorno festivo, la scadenza è prorogata 2 maggio.
  1. Dichiarazione RAEE (art. 34 del D.Lgs 49/2014)

Entro il 30 aprile 2017 è necessario rendicontare al Centro di Coordinamento RAEE i volumi di RAEE gestiti dagli impianti di trattamento nel 2016. La consuntivazione dei RAEE può avvenire nell’area riservata del portale www.cdcraee.it

Start typing and press Enter to search